La casa: un po’ di storia

1921: apertura della prima casa delle suore dorotee in Asolo.

Nei primissimi tempi la comunità viene ospitata dalla famiglia De Mattia e poi il Comune concede una villetta di fronte all’Istituto Filippin, casa ora demolita.
Successivamente, nel 1927, essendo cresciuto il numero delle ragazze che frequentavano la scuola, viene presa in affitto dai padri Armeni, villa “Monte Grappa”, nei pressi di S. Anna.
L’anno dopo (1928), l’Istituto acquista il terreno in via Sottocastello dove viene costruito l’attuale complesso nel quale la comunità e il collegio-convitto si spostano nel 1930.
La scuola elementare, media, superiore raggiunge il massimo sviluppo nel ventennio 1950-1970, dopo il quale inizia una graduale trasformazione fino al 1978, anno della chiusura definitiva della scuola.

1a
2a

Da Collegio a Centro di spiritualità

La ristrutturazione interna della casa con lo scopo di “riconvertirla in centro di spiritualità” avviene negli anni 1978-1980.
Dalla fine del 1980 la “Casa S. Dorotea – Centro di spiritualità” avvia il nuovo servizio pastorale.
È interessante leggere nelle prime pagine di cronaca della comunità che già agli inizi, e precisamente nel 1928 fu dato in questa casa il primo corso di esercizi spirituali per giovani.
La cura e l’interesse riservati a questa iniziativa hanno costantemente incrementato la partecipazione delle giovani che raggiungeva anche un centinaio di partecipanti.

Tipologia della struttura

La casa dispone di 62 posti letto. 32 stanze singole di cui 7 con bagno in comune con un’altra stanza; 15 doppie con rispettivo bagno.

Sono disponibili 3 cappelle; 2 sale convegni e 4 salette riunioni; salottini vari; parco, posteggio, riscaldamento, climatizzazione, internet.

1a